L'Aquila+39.328.6779461info@bikeexplorer.it18:00/21:00

Vademecum lampade frontali

Post 4 of 13

Con le frequenti esperienze in notturna, ciclistiche e trekking, di seguito una descrizione generale delle lampade frontali per una scelta più razionale.
Il fattore primario che valuteremo sarà la quantità di luce necessaria per l’attività che si intende svolgere.

Per esperienze si consiglia 70/80 lumen per attività a progressione lenta, tipo trekking, ciaspole, 140 lumen per progressione medio/veloce, tipo moutain-bike su percorsi medio-facili e sci alpinismo, 300 lumen minimo per progressioni veloci tipo mountain-bike su percorso tecnico e veloce, sci alpinismo.

  • La quantità di luce minima al di sotto della quale la lampada frontale perde la sua efficacia è quando il livello d’illuminazione non consente più una visione soddisfacente. Si calcola che questo livello d’illuminazione equivale al chiarore di una notte di luna piena, cioè 0,25 lux. Questo valore d’illuminazione minima è il riferimento utilizzato per le misurazioni della distanza e dell’autonomia.
  • Il flusso luminoso, o potenza luminosa, indica la quantità totale di luce emessa da una lampada in ogni direzione. Il flusso luminoso è espresso in lumen (lm) ed è misurato in laboratorio con una sfera integratrice. Questa misura è complementare alla distanza d’illuminazione. Due fonti luminose possono, effettivamente, illuminare, alla stessa distanza, con un’intensità più o meno forte. Come per la distanza d’illuminazione, il flusso luminoso iniziale diminuisce progressivamente alla scarica della fonte di energia. Petzl indica il flusso luminoso al livello massimo, che permette di conoscere la capacità massima d’illuminazione di ogni lampada. Qualche esempio di potenza luminosa:
  1. Luce di candela: 10 lumen
  2. Illuminazione domestica: da 100 a 200 lumen.
  • L’autonomia corrisponde al tempo durante il quale una lampada frontale produce un’illuminazione superiore o uguale a 0,25 lux ad una distanza di due metri (nell’asse luminoso). Quando l’illuminazione fornita dalla lampada frontale è inferiore a questo livello, la quantità della luce non è più considerata sufficiente, sia che serva per spostarsi, per leggere o per qualsiasi altra attività.
  • La distanza d’illuminazione corrisponde alla distanza su cui la lampada frontale produce un’illuminazione superiore o uguale a 0,25 lux.

Le lampade frontali regolate sono dotate di un dispositivo elettronico di regolazione che permette di mantenere la distanza d’illuminazione stabile per un dato periodo di tempo. Questa combinazione distanza/tempo è quella indicata nelle performance della lampada. Quando l’energia elettrica disponibile non è più sufficiente, la regolazione termina automaticamente. La potenza d’illuminazione della lampada diminuisce ad un livello d’illuminazione di sopravvivenza che lascia il tempo all’utilizzatore di cambiare le pile.

lampade frontali regolate

Per le lampade frontali non regolate, la distanza d’illuminazione iniziale diminuisce progressivamente alla scarica della fonte d’energia.

lampade frontali non regolate

  • Caso particolare dell’illuminazione di segnalazione si considera che l’illuminazione di segnalazione è efficace quando è visibile ad una distanza superiore o uguale a 100 m. Se la distanza è inferiore, l’illuminazione non è più sufficiente per essere visti e garantire una valida sicurezza.L’autonomia indicata corrisponde al tempo durante il quale l’illuminazione di segnalazione produce un’illuminazione superiore o uguale a 0,00001 lux ad una distanza di 100 m (nell’asse luminoso).
  • L’adattamento dell’illuminazione alle proprie esigenze si effettua con la variazione di due parametri:
    • la forma del fascio luminoso: ampio o focalizzato con un’unica forma di fascio luminoso o la possibilità di alternare un fascio luminoso ampio o focalizzato con l’apposizione di un diffusore.
    • la potenza dell’illuminazione: la maggior parte delle lampade consentono di scegliere tra più livelli: massimo, ottimale, risparmio e Boost (caso lampade Petzl).
  • Il fascio luminoso ampio diffonde una luce di prossimità adatta alle attività statiche o che richiedono pochi spostamenti rapidi.
  • Il fascio luminoso focalizzato concentra la luce per illuminare a lunga distanza e può essere orientato con precisione.
  • Modalità d’illuminazione. La maggior parte delle lampade frontali con led permettono di scegliere tra tre diverse modalità d’illuminazione: massimo, ottimale e risparmio. L’utilizzatore può anche adattare la potenza dell’illuminazione in base alle situazioni, per privilegiare la quantità di luce rilasciata o la necessità di autonomia. A queste tre modalità d’illuminazione si può aggiungere una funzione lampeggiante, utile per segnalare la propria presenza (soccorso, localizzazione, ecc.).

Impermeabilità della lampade frontali vengono classificate in due gruppi:

  • Le lampade «water resistant» (IPX4 o IPX6) resistono alle peggiori condizioni meteorologiche (forte tasso di umidità, neve, pioggia, immersione rapida, ecc.). Funzionano anche quando penetra acqua all’interno della lampada. Grazie all’utilizzo di contatti in acciaio inossidabile e di una vernice impermeabile che protegge le parti delicate. In questo tipo di situazione, occorre asciugare la lampada e sostituire le pile. I contatti devono essere ispezionati.

L’illuminazione Led (Light Emitting Diode), o diodi elettroluminescenti, sono componenti optoelettronici concepiti per l’emissione di luce.

Qualche particolarità dei Led:

  1. a differenza di una lampadina classica ad incandescenza, i Led non utilizzano filamenti,
  2. consumano meno energia elettrica ed hanno una durata superiore alle lampadine ad incandescenza,
  3. la tecnologia utilizzata per i Led permette una moltitudine di forme e colori.

I blocchi ottici sono componenti fondamentali in materia d’illuminazione. Permettono di focalizzare, in maniera più o meno forte, la luce emessa dalle fonti luminose come le lampadine ad incandescenza, i tubi fluorescenti o i Led. I blocchi ottici sono fissi o regolabili per consentire l’adattamento del fascio luminoso alle esigenze d’illuminazione e al tipo di applicazione.
Possono essere costituiti da un riflettore, da una lente o da entrambi.

I riflettori funzionano come uno specchio che rilette la luce in una data direzione. Di forma parabolica o piana, i riflettori includono una superficie interna riflettente a specchio.

Realizzate in vetro o plastica trasparente, le lenti permettono di realizzare dispositivi abbastanza compatti. Secondo la loro geometria, provocano divergenza o convergenza dei raggi luminosi. Le lampade frontali Petzl , secondo il tipo di fonte luminosa, sono dotate di:

  • un riflettore (lampadine ad incandescenza),
  • una lente (Led potenti).

I riflettori. Le lampade frontali dotate di una lampadina ad incandescenza dispongono di un riflettore specifico, per concentrare in avanti la luce emessa dalla fonte luminosa. In particolare, la luce diffusa lateralmente e posteriormente alla lampadina.
La geometria di ogni riflettore è determinata in modo estremamente preciso per assicurare la massima efficacia (rendimento, omogeneità del fascio luminoso, ecc.). I riflettori sono progettati per limitare le imperfezioni del fascio luminoso, dovute alla forma del filamento, alla qualità del vetro della lampadina o alla presenza di due diverse fonti luminose.
I riflettori sono generalemte dotati di un vetro di protezione.

Distanza focale regolabile. Le lampade frontali con riflettore dispongono di una distanza focale regolabile che permette di regolare l’ampiezza e la lunghezza del fascio luminoso (effetto zoom).

Le lenti. I Led potenti emettono la luce in una sfera di 180°. Le lenti permettono di concentrare davanti alla lampada tutto l’irraggiamento emesso, in funzione dell’angolazione desiderata.

Diffusori grandangolari. Le lampade frontali dotate di una lente diffondono un fascio luminoso focalizzato potente, concepito per illuminare su lunghe distanze. Per adattare il fascio luminoso alle esigenze d’illuminazione più ampia, Petzl ha progettato un diffusore grandangolare retrattile costituito di molteplici microlenti.

Fonte primaria di tali informazioni è il sito della Petzl. www.petzl.com/it
s
s

Menu